Prosecco.it — Conegliano Valdobbiadene DOCG

Adami

Lo sviluppo della viticoltura che interessò le colline di Valdobbiadene avvenne già in epoca rinascimentale, modificando buona parte delle colline anche di Colbertaldo: qui, un bosco di roveri, dal nome “Bosco di Gica”, fu bonificato tra il 1490 e il 1542, venendo sostituito con “piantate di viti ed alberi”. Il cambiamento fu sostanziale, e quindi l’antico toponimo non corrispose più alla realtà. Il nuovo nome, “Zardin”, si adattava perfettamente all’incanto di una terra riscoperta. Il catasto del 1717 lo aggiornava a “Zardini” e le successive rappresentazioni cartografiche di età napoleonica e austriaca lo riportavano con il nome di “Giardino”.
Negli anni successivi Abele Adami, sulla base di queste premesse ed entusiasmato nel frattempo dall’eleganza, dall’energia e dall’unicità di luoghi come appunto il Vigneto Giardino, fu anche selezionato tra i migliori produttori di Valdobbiadene per presentare la “ Riva Giardino Asciutto” alla 1ª Mostra dei Vini Tipici d’Italia, svoltasi a Siena dal 3 al 18 Agosto 1933.
L’intuizione medievale sull’innata vocazione di questa terra fu quindi trasmessa da Abele al figlio Adriano, il quale tramandò alle generazioni successive il privilegio di capire ed interpretare al meglio questo luogo difficile, che sa essere generoso solo con chi da tutto il suo impegno su questi pendii così ripidi e faticosi.
Oggi il Prosecco è una zona vitivinicola estesa su 2 Regioni, 9 provincie, e 556 comuni. Adami, per scelta qualitativa, coltiva la vite in meno del 2% di questo territorio. In quest’area il Clima è mite e caldo, accompagnato da notti fresche e quindi caratterizzato da escursioni termiche ottimali: siamo solo ad un’ora di auto dalle Dolomiti (Alpi) ed altrettanto da Venezia (Mare Adriatico).
E’ inoltre significativo ricordare che nel passaggio della zona storica di Conegliano Valdobbiadene da Doc a Docg (2009), sono state create e denominate 43 “RIVE”. Le Rive (in dialetto “pendio”) sono le selezioni comunali che indicano, all’interno dell’area del Valdobbiadene Docg, il luogo esatto di provenienza delle uve. Per sottolineare ulteriormente questo concetto, i Valdobbiadene Docg “Rive” di Adami provengono anche da singoli vigneti: sono il Col Credas Brut, Rive di Farra di Soligo, dal gusto asciutto e molto secco e lo storico Vigneto Giardino Dry (1920), Rive di Colbertaldo.
E’ importante infine indicare che Adami compie oltre 90 prese di spuma ogni anno, le quali sono la prerogativa per un prodotto sempre fresco che ricordi la complessa ma immediata e riconoscibile sensazione frutta fresca, che Adami ama definire di “macedonia”. Considerando inoltre che da oltre 90 anni viene vinificato solamente Prosecco (Valdobbiadene Docg e Treviso Doc), ne deriva che l’azienda è Specialista in Prosecco in tutte le sue espressioni. Per Adami è comunque fondamentale e caratterizzante ottenere un Valdobbiadene Docg dal finale “Asciutto”; Adami definisce “Asciutto” uno spumante quando presenta retro gusto sia pulito che secco. “Asciutto” esprime dunque il concetto di naturale e piacevole richiamo alla beva, tanto fuori pasto quanto accompagnato a piatti di tono leggero.

Servizi

Degustazione vini
Vendita al dettaglio
Visita in cantina

Apertura al pubblico

Lunedì - Venerdì 8.30-12:30, 14:00-18:30
Sabato 9:00-13:00

Lingue parlate

Francese, Inglese, Tedesco

Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore

“Rive” brut
“Rive” dry
brut
extra dry

Valdobbiadene Superiore di Cartizze

dry

Conegliano Valdobbiadene Prosecco

Frizzante “rifermentato in bottiglia”

Produzione

fra 150.000 e 500.000 bottiglie