Prosecco.it — Conegliano Valdobbiadene DOCG

Dalla vigna al calice: un video per raccontare il Conegliano Valdobbiadene

Quattro minuti di immersione nel territorio, per conoscere meglio in cosa e perché il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg si distingue
dalla vigna al calice

Le immagini spesso valgono più delle parole. Quando accogliamo tra le nostre colline ricamate di vigneti qualcuno che non le ha mai visitate, ci rendiamo conto di quanto questo luogo comune sia particolarmente vero per la Denominazione che noi orgogliosamente rappresentiamo. Consci di questo, invitiamo tutti, in particolar modo chi vuole conoscere più da vicino la nostra realtà vitivinicola, a prendersi una piccola pausa per guardare questo breve video, disponibile nella sezione Academy, che rappresenta il Conegliano Valdobbiadene Docg, il suo territorio e le sue genti.

Il lavoro è stato realizzato da DenebMedia, team di produzione video con sede a Milano.

Si tratta di un viaggio straordinario racchiuso in pochi minuti, che illustra il lavoro “eroico” compiuto dagli uomini e le donne che hanno saputo interpretare la particolare conformazione delle nostre colline realizzando un’eccellenza italiana famosa nel mondo e che ancora oggi, con passione e professionalità, si confrontano ogni giorno con la terra, di cui sono custodi.

Luoghi, persone, rumori e profumi riassumono la simbiosi tra uomo e natura. Minuziosi dettagli proiettano lo spettatore all’interno del paesaggio culturale che si allunga tra Conegliano e Valdobbiadene, rendendolo partecipe del connubio tra territorio e saper fare che caratterizza il Prosecco Superiore. Si parte dalla terra per arrivare al calice, soffermandosi su dettagli come le particolarità del suolo e del clima, che donano unicità al vino.

La scelta di lavorare sui dettagli va a rappresentare l’unione di passioni che contraddistingue ogni singolo produttore della Denominazione, creando quindi un racconto che rappresenti tutti, dai grandi ai piccoli, dalle case spumantistiche ai viticoltori.

Le riprese si sono diluite lungo vari mesi, per ritrarre il territorio nelle diverse stagioni, con riprese sia terresti che aeree, che hanno restituito un alternarsi di immagini coinvolgenti ed evocative. Le musiche, che scandiscono i cambi di inquadratura con dinamismo, sottolineando i momenti più emozionanti, sono state realizzate ad hoc dal compositore Mario Mariani.